L’opera di Hitnes è terminata, ma non lo è l’impegno della nostra associazione per una “vita nuova” nel quartiere. L’opera dell’artista è stata attesa nel quartiere come un neonato in una famiglia, scrutata alla sua nascita dalla comunità. Ora è cominciata la sua vita.

Condividendo un nostro post su Facebook, una ragazza ha scritto “La felicità di andare verso casa”. Era quello che volevamo: rendere più interessante, più felice, abitare nel quartiere

Il tema che abbiamo proposto a Hitnes (“I fossati, le paludi, i prati, i concerti delle rane prima che nascesse il quartiere delle Cattane”) era ambizioso, richiedeva non un’opera qualunque di street art, ma una narrazione di qualcosa dell’anima del quartiere.
Su questa strada vogliamo proseguire, per rendere il quartiere più colorato e piacevole, ma anche più interessante da abitare. Con segni espliciti in cui gli abitanti possano riconoscersi. Abbiamo in effetti visto molta gente fermarsi, gioire ed informarsi: giovanissimi, adulti, anziani, italiani ed immigrati, tutti entusiasti.

PENSANDO NEL LUNGO PERIODO: l’angolo di via Btg. Val Leogra è solo uno di un “triangolo” centrale ed originario per il quartiere (gli altri due sono Giardino Manfè e casette minime con parco interno) per il quale abbiamo presentato in questo giorni un ambizioso progetto per il “bilancio partecipativo” del Comune di Vicenza, dal titolo: UN TRIANGOLO URBANO DI COLORI, SUONI E LUCI.
Un ospitale soggiorno a cielo aperto nel cuore del quartiere, e una passeggiata d’arte.

Nei prossimi giorni daremo ampia informazione.
Contiamo sul voto on-line della popolazione del quartiere, dei negozianti, delle associazioni, dei giovani. Sono in gioco più di 100.000 euro per cominciare davvero a trasformare in profondità il nostro quartiere.