«Questo è solo l’inizio». Così il consigliere comunale e componente dell’associazone “Vita Nuova a S. Bertilla” ha presentato ieri mattina il murales terminato sulla parete dell’edificio in via Btg. Valleogra. «Si tratta di un passo importante del percorso iniziato anni fa dal nostro gruppo per combattere il degrado nel quartiere. Ma è solo un tassello del progetto complessivo che è quello di illustrare alcuni angoli grigi ed anonimi che grazie all’arte possono diventare nuovi punti di riferimento». Domani dalle 17.30 nell’edificio in via Battaglione Val Leogra 3 è in programma la festa inaugurale con concerto del quartetto “Balp”. Dalle 8.30, cinque artisti saranno al lavoro per un contest di street art. Ci sono voluti tre giorni di lavoro all’artista romano Hitnes per completare l’opera di 100 metri quadrati. «La street art non è l’arte elitaria, quella che sta dentro i musei, ma è vicina alla vita quotidiana», ha sottolineato Antonio Ceccagno dell’associazione culturale Jeos. Nuovi progetti sono previsti alla scuola primaria 2 Giugno e al palasport. Il grazie dei promotori va ai proprietari della casa che hanno accettato l’iniziativa, all’amministrazione comunale che l’ha sostenuta, ai commercianti del quartiere che hanno sponsorizzato l’opera e a tutti i residenti. «Ce ne sono centinaia che da anni camminano con noi e che hanno permesso al nostro percorso di prendere vita», ha concluso il rappresentante Gianni Boarina. Il Comune ha partecipato alle spese con mille euro. «Finanziare iniziative dal basso piuttosto che calare progetti dall’alto è un metodo che dà risultati e premia le energie positive in tempi di risorse scarse – afferma l’assessore alla cura urbana Cristina Balbi -. Vorremmo metterlo a sistema». E. CU.COPYRIGHT

Il Giornale di Vicenza – 17 giugno 2016